Valentina Lisitsa: Prokof’ev – Davide vs Golia


Valentina Lisitsa

Sono quasi le otto e trenta e l’orchestra entra in scena all’auditorium, bellissimi, eleganti ed emozionati. Valentina ancora non è entrata in scena. Tutti la stiamo aspettando. Stasera eseguirà il concerto Concerto n. 2 in sol minore per pianoforte e orchestra di Prokofiev forse uno dei concerti piu difficili mai scritti per orchestra e pianoforte.

La storia di questo concerto prende vita durante il periodo che va da l 1912 al 1913, periodo di tardo romanticismo.

Una lotta titanica si preannuncia, un Davide contro Golia, mani e braccia del pianista tirano fuori tutta la loro muscolarità e prepotenza, che esercita un virtuosismo volutamente grandioso, debordante lungo tutto il primo movimento.

Eccola che entra, è splendida nel suo abito argento e oro con una giacchina azzurra delicata come i suoi occhi! Valentina Lisista è pronta a sfidare Prokofiev.

Archi, fagotti, ottoni, e la direttrice d’orchestra Zhang Xian aspettano solo che la pianista si sieda. Uno sguardo tra la direttrice d’orchestra e le mani iniziano la loro danza, dapprima leggere nell’aria e finalmente si posano, delicate ( ma solo all’inizio) e iniziano a caricare tutto il peso di quei fff ( Fortissimo, tumultuoso) che Prokoviev mette a regola d’arte in questa sfida all’ultimo sangue. Andantino, allegretto, il primo tempo, intriso di tonalità drammatiche e un tema ridondante che ogni tanto diventa l’io narrante del compositore russo. Uno sforzo atletico degno delle olimpiadi.

L’orchestra lascia aperto il dialogo con il pianoforte, lo stesso Prokofiev ebbe a dire che ci sono concerti in cui il solista collabora molto con l’orchestra, ricordando anche i lavori di Korsakov, mentre in altri come i concerti di Chopin, l’orchestra si sacrifica parecchio, come nel caso di questo concerto n.2, scritto dal poco piu che ventenne compositore russo.

Valentina Lisitsa

Valentina ci fa sognare, in queste atmosfere tardo romantiche, ci riporta indietro nel tempo come solo lei sa fare. Il tocco genuino e delicato, al contempo pieno di vitalità e generoso sono un dono che Valentina ci regala ad ogni nuova nota.10435906_723831311020709_3656225340666528167_n

Tra gli interpreti sulla scena mondiale, la Lisitsa è anche quella piu celebre sui Social Network, specialmente su Youtube, dove è una vera e propria regina che conta piu di settanta milioni di visite.

Secondo tempo, i tre minuti in re minore con il moto perpetuo definito toccatistica e motoria, dallo stesso Prokofiev, tra trilli, scale e arpeggi, resta il tempo al compositore di auto citar il suo concerto n 1. Nonostante lo sforzo fisico, Valentina è sempre soave, ultraterrena, ma sembra di poterla toccare e di poter dialogare con le immagini che la musica crea. La tensione aumenta, passionalità in tutta la sala che si infiamma. Ecco che arriviamo al climax massimo annunciato dallo scoccare come di una campana e il pianissimo si va annichilendo lasciando spazio ad un delirio tumultuoso che conclude il concerto.

 

http://www.valentinalisitsa.com 

Applausi a cascata, initterrotti per piu di 5 minuti. Alla terza entrata in scena dopo gli applausi Valentina ci regala un assaggio della Campanella di Liszt e un’Ave Maria di Schubert che parte direttamente dal cuore.

 

Valentina Lisitsa