Stefano Cordero di Montezemolo: benvenuti nella “Net Economy”

Stefano Cordero di Montezemolo

Stefano Cordero di Montezemolo

 

Cari amici amanti del bello,ben ritrovati su queste pagine!

Prima di iniziare questa intervista volevo ringraziare tutti voi per l’affetto che mi state dimostrando giorno dopo giorno e posso dirvi che ricambio con tutto il cuore!

Oggi ho invitato nel mio salotto virtuale, un personaggio del mondo dell’economia.

Quindi voi lettori, sempre attenti e smaliziati, mi chiederete che cosa centra un economista con il mondo della moda e della musica, ma sopratutto di internet?

Ebbene, non potrebbe essere piu inerente a questo nuovo mondo di tecnologie e sopratutto di Social Network.

Tutti noi usiamo i social e siamo parte di quella che è chiamata NET ECONOMY (Abbreviazione di Economia di Rete). Essa è il risultato di due fenomeni. Il primo è costituito dal fatto che sempre più processi produttivi sono basati sulla conoscenza piuttosto, che sul semplice utilizzo di risorse materiali (Knowledge Economy). Il secondo dal fatto che prodotti e servizi non sono più semplicemente rivolti ad una massa indifferenziata di consumatori, ma ad una rete di utenti collegati fra loro (Networks effects).

 

Ma prima vorrei introdurre il mio ospite speciale, Stefano Cordero di Montezemolo.

 

Ottiene la Laurea in Business Economics (“magna cum laude”), presso l’Università Bocconi di Milano (1983); Master in Business Administration, INSEAD, Fontainebleau (1986).
Stefano è professore part-time di Business Economics e Corporate Finance presso l’Università di Firenze e guest-speaker presso altre università e business school internazionali.

Inoltre riveste il ruolo di consulente sia come professionista indipendente sia come partner di società professionali e associazioni per progetti in sviluppo del business, strategie commerciali, finanza e per specifici programmi formativi dedicati all’area del Business Development.
Presidente di AIMBA – l’associazione italiana che rappresenta i professionisti in possesso del titolo MBA; ex presidente di INSEAD Italian Alumni Association; membro di ASFIM, il registro italiano dei professionisti di Finanza commerciale; membro del registro dei periti del Tribunale di Firenze.
Stefano Cordero di Montezemolo é il Direttore Accademico di ESE Milano e ESE Firenze.

 

Alida: Grazie Stefano di essere qui con me in questo spazio. Mi piacerebbe che mi raccontassi un po di te. Come è nata la passione per il tuo lavoro?

 Stefano: Ho sempre avuto un grande interesse per l’economia, ma studiandola all’università mi sono redo davvero conto che mi piaceva e che mi sarebbe piaciuto insegnarla, magari anche in modo da renderla piu facile e compressible alle persone. 

Alida: In effetti non è proprio una materia alla portata di tutti per complessità e per i ragionamenti che richiede. Nel nuovo millennio, di cui non siamo che all’inizio, si stanno verificando dei fenomeni di “frattura” e molti di essi sono legati al mondo di internet. Tu che rapporto hai con il web e sopratutto con i nuovi media?

Stefano: Ho un rapporto molto stretto con i media. Amo essere informato e poter accedere facilmente alle informazioni. I nuovi media hanno redo la comunicazione e l’informazione piu facile e disponibile.

Internet of things

Internet of things

Alida: Da grande appassionata di sociologia e ( di fantascienza :D) si nota come alcune teorie che sono partite dagli anni 50 come quelle di Negroponte bel libro “Being Digital” stiano realizzando questa parabola, questo sogno utopico, che oggi è realtà: oggetti in grado di communicare, dotati di intelligenza e di memoria propria, Google Glass, ologrammi e microchip inseriti nei piu semplici giocattoli. L’internet delle cose. Per quanto riguarda i social media, pensi che siano la chiave di volta fondamentale per la new economy?

Stefano: Certamente, lo sono già da tempo. Si parlava di New Economy 15 anni fà. Ora è giusto parlare di Net Economy e basta a indicare che l’economia che passa attraverso internet. Tuttavia, credo che si debbano ancora capire gli effettivi vantaggi e i limiti dei social media per il business e lo sviluppo dell’economia.

Stefano durante un convegno

Stefano durante un convegno

Alida: Un ragazzo di oggi alle prese con una stary up, che muove i primi passi nel mondo del business 3.0. Che consiglio ti sentiresti di dare ad un giovane che vuole fare strada nel mondo dell’economia?

Stefano: Pensare che l’economia del futuro sarà piu dinamica e mutevole e renders aperto e disponibile ai cambiamenti, investendo tanto nella formazione.

Alida: Adesso Stefano, ti devo fare alcune domande un pò piu “leggere” anche perchè in questo salotto spesso e volentieri parliamo di moda e musica.  La prima domanda è sulla musica, mi piacerebbe sapere se hai un brano o un autore a cui sei particolarmente legato…

Stefano:  Amo tutta la bella musica, da quella classica al Jazz al Pop/Rock. Dei cantanti e autori contemporanei il mio preferito è Van Morrison, perchè ha capacità musical uniche bel fonder generi diverse e ha una voce intensa. Amo tante sue canzoni ma possiamo dire che quella piu sentimentale è “Have I told you lately that I love you”.

Alida:  Che cosa ti piace fare quando non sei immerso nel lavoro?

Stefano: Gioco a gold, vado in campagna, vado al cinema o a cena con amici. Quando possibile, fare viaggi.

Stefano Cordero di Montezemolo

Stefano Cordero di Montezemolo

Alida : Una piccola parentesi con una domande sulla moda. Leggevo sul  un onto giornale “Class Life” che  il tuo impeccabile stile rientrerebbe a lore dire, nella definizione di  “preppy” o “classic chic”. Tu che ne pensi al riguardo?

Stefano: In realtà in altre riviste mi hanno qualificato in altri modi:  stile intelletuale, stile naturale… Sinceramente, non so perchè io mi vesto per come mi sento e non ho l’esigenza di cercare di uniformarmi a stile per communicare chi sono. Ho rispetto per la moda ma penso che il bello del vestirsi sia anche quello di saper combinare cose diverse per creare un proprio stile, per come uno si sente di essere.

Alida: Un posto che ami e in cui ritrovi te stesso…

Stefano: La mia campagna in Toscana, nel Mugello, posto con una natura magnifica.

Alida: Grazie di cuore a  Stefano di essere stato in questo spazio virtuale,di averci raccontato delle New Economy e delle sue passioni!

Ci vediamo presto sul web!

Stefano:

DEDICA: Ad Alida che unisce una bellezza elegante e ricercata con un’intelligenza curiosa e ironica e con il desiderio di sentirsi parte di più mondi che possono dare passione e emozione.

 

See you soon on the web!

See you soon on the web!