Pianoforte, music and the seventh art: a dream between the notes

Play it again, Sam!

The movie industry was never really silent. From the beginning, music was an integral part of the film show. Even the Lumière documentaries were screened with musical accompaniments with orchestra or piano, as a solo artist. Probably the music came in the cinemas to meet the need of practical intent: cover the noise produced by the audience and those coming from the projector running, but it was clear from the outset its expressive potential within the seventh art.

 Several directors of early cinema had sought a method to synchronize sound and images, as Melies or Dickson, or the production company Gaumont who was born with the intent to distribute phonographic material for the cinema. These attempts, realized recording to the music that was supposed to accompany the film, had no fortune, visual track and the soundtrack were recorded and played back on different media, which easily caused the loss of synchronism, also amplification systems cinemas were inadequate.

Film and music are two arts which undeniably have woven their languages​​, and is now widely accepted that the images and sounds constitute two inseparable aspects of the filmic text.

For a long time the sound dimension of the film has been little studied by film critics but recently, especially in the last twenty years, has produced a rich literature.
Already by the early cinema, silent movies, the music had a vital role before for purely pragmatic reasons and, as a result, more for reasons of structural and narrative. There have been many scholars, musicologists, historians and critics of cinema, but also the directors and musicians, who have questioned the relationship between film and music, what were the models aesthetic, formal, compositional, whose film music you drew.

The relationship between images and music, however, has never been granted.

Sebastiano Luciani, argues that the relationship between music and images would ideally be overturned.

 

And that may not be the music to follow the images, simply because “the music can determine the gesture, do not follow it, can evoke the images, do not translate them into sound.” So who should make a music for a film according to Luciani should never in any way from the images to develop and compose the soundtrack, but instead anticipate the action, working on the “overall plot”, the “subject”, realize the musical work even before you realize the film, which is a way of working that is used by many directors and composers of the last century and contemporary. An example is the extraordinary couple who formed with Fellini Nino Rota and the wonder of masterpieces like The way in which the two worked, as in so many other films, with this method, or more recently the approach of composer James Newton Howard against the film by Jay Russell the Water Horse, for example.

The  relationship between music and image is really complex, we should have to follow the screen and not vice versa (while recognizing the value about this  pragmatic art of music born to be a musical accompaniment of the images), it was a theory espoused by several authors in the first half of the ’900 century, in ballet as well, many thought to find in an art form that could somehow be a model for the cinema. The film work becomes able, more than any other art, to give a plastic form and substance, through motion pictures and music. This was fairly widespread opinion, even if  Dimitri Tiomkin, one of the most important composers in Hollywood, wanted a good film as “a ballet with dialogue,” but that could not be followed from the point of view of the development of theoretical and film. Interesting what Simeon noted in relation to the many points of contact between the film and pantomime.

Understand the pantomime as one of the kinds of entertainment closer to the cinema in fact also helps to better understand the relationship between music and cinema, in the light of what we have said. The pantomime is in fact a summary of the elements of ballet, because there was a movement of the actors linked to the music, though not transfigured so accomplished in dance, with a continuous accompaniment of music without being expected the support of the word, nor sung it spoken.

Of course, the stronger  bond with the music of Wagner and the ItalianOopera and the symphonic poem, although the use of the leitmotif in the film is less rich in terms of musical aesthetics and never becomes a fundamental structural principle (think such as the symphony Hollywood of the 20s and 30s). If Adorno criticized the use of the leitmotif in film music, calling it “a waiter musical, with inclusive aspect, presents his lord, while everyone knows who it is.” The Polish musicologist Zofia Lissa felt, however, that the Leitmotiv, in the construction of a soundtrack, answer to a need of continuity and structural unity, and integration of information in the characterization, suggesting to the viewer psychological details, related to the character , that the images alone are not able to convey.

The piano and the silverscreen, then they are intimately linked since the birth of the seventh art. When there was no sound in fact often the piano was the perfect accompaniment to highlight the nuances of the actors’ faces. Emotional orchestra that could be easily transported in any movie: a little bulky compared to a conventional orchestra and significant effect.

Pianoforte and cinema

Once the film industry get the sound, the piano was left at home, but only physically: but reappear in the silverscreen, with plenty of film dedicated to this beautiful instrument.

 

Today we take a tour of the most beautiful films that talk about this wonderful tool: are you ready?

I would start with this wonderful film starring Viveca Lindfors in 1944, the title is just what the famous Beethoven Sonata in fact “Appassionata” and throughout the film there are some splendid passage of the Fifth and the Seventh Symphony.

A song to remember (1945): About the life of  Chopin, starring Cornel Wilde; George Sand is played by  Merle Oberon. The pianist on the soundtrack was Josè Iturbi , but the pianist whose hands were shown on-screen was Ervin Nyiregyhàzi.

Vidor romanticizes Chopin’s patriotism in the film, which was produced during World War II. Chopin, played by Cornel Wilde, is first presented to the audience as a child prodigy playing a piece by Mozart , but suddenly starts to bang on the piano keys when he notices out the window that Polish people are being taken prisoners by the Russian authorities.

 

This movie is a biopic starring Katharine Hepburn,Paul Henreid, Robert Walker, and Leo Carroll, directed by Clarence Brown, released by MGM, the title is Song of Love (1947). The most unforgettable scene is when Hepburn plays the beautiful pieces at piano.

Hepburn played magisterially Clara Wieck! You should watch this movie! The screenplay was based on play by Bernard Schubert and Mario Silva.

Song of Love

The Seventh Veil, from 1945. This is a fictional story about a piano student and her uncle, played by Ann Todd and James Mason. The uncredited pianist was Eileen Joyce, she played amazingly the Rachmaninoff 2nd Concerto, Grief’s Concerto in A minor and beautiful pieces by Mozart, Chopin and Beethoven ( The Pathetique Sonata assumed an importance role in the movie)

 

Contemporary movie, we are in 1960 and Francois Truffaut dirige il film “ Tirez sur le pianiste”  inspired by the novel of David Goodies. Charlie Kohler is a pianist in a suburb restaurant. One night he met his brother Chico followed by a group of gangster, and this moment change forever is life: he became the perfect target for those criminals.

 

 

” Five Easy Pieces”(1970).  This is a Drama, about a piano prodigy interpreted by one of the most important and charming actor in Hollywood, Jack Nicholson .The soundtrack includes movements from Mozart’s Concerto in E-flat major, K.271, Fantasy in D minor, K.397 and Chopin’s Preludes.

 

Amadeus- Milos Forman

A masterpiece from Milos Forman: “Amadeus” (1984). The movie is based on Puskin theory about the antagonism between Salieri the great  F.Murray Abraham and the young prodigy Mozart, played by Tom Hulce, in this unforgettable interpretation.

This movie is a fictional story of a Bengali piano prodigy ( Navin Chowdhry) who must choose between pleasing his mother or his talented, but unsuccessful piano teacher, Shirley MacLaine,“Madame Sousatzka” (1988) .

The pieces are: Schubert’s Impromptu N. 4, Scriabin’s Etude in D-sharp minor, Op.8/12, Chopin’s C minor Prelude and Polonaise in A flat major, Schumann’s Carnaval and Piano Conerto in A minor, Brahms’s Concert N.1 in D minor, and Beethoven’s Appassionata.

The Fabulous Baker Boys ( 1989), a fictional drama about two young pianist brother, Jess and Beau Bridges and a singer, the beautiful Michelle Pfeiffer. Here the sound track is jazz and pop, including Can’t Take My Eyes Off You, Ten Cents A Dance, The Look of Love, Makin’ Whoopee, You’re Sixteen and My Funny Valentine.

“Great Balls of Fire!” (1989) This film follow the life of Jerry Lee Lewis as played by Dannis Quaid. It features many of the artist’s hits such as Great Balls of Fire, Whole Lotta Shakin’ Goin On and Wild One.

Another movie on Chopin’s life: Impromptu (1991). A romance film, depicting the relation between Chopin, interpreted by Hugh Grant, and George Sand, the great Julian Sands also makes and appearance as Franz Liszt. The film features work by Chopin: Ballade N’1 in G minor, Minute Waltz, Fantasie- impromptu and Liszt: Dante Sonata, Trascendental Etude N.4 “Mazeppa”.

Another movie, another prodigy: “Shine” that describe the life and career of David Helfgott, starring Geoffery Rush as Sir. John Gielgud. The soundtrack is characterise by Sergei Rachmaninoff’s Piano Concerto N.3 ( referred to as ” The Rach 3″) is prominently featured.

“The Legend of 1900″  (1991). This movie is based on the novel written by Alessandro Baricco and directed by Giuseppe Tornatore. It’s a pure poetry fiction story about a young pianist born orphan in a boat….

 

Adrien Brody "The pianist"

The drama of the War, and the Nazi regime: “The Pianist” is the real story of the Polish pianist Wladyslaw Szpilman, played by Adrien Bordy, in the Jewish Ghetto of 1940′s Warsaw. Beethoven’s Monnlight Sonata and CHopin’s Ballade N.1 are the soundtrack of this dramatic story.

Two recent movie that I love: “Ray”, a biopic of Ray Charles, starring jamie Foxx and “Copying Beethoven” in 2006, a fictional take on the final year of composer Beethoven’s ( Ed Harris) life as he composes his Ninth Symphony.

Soon the second part, with more movies :)

Gian Paolo Serino: (I can’t get no) “Satisfiction”

 

Gian Paolo Serino

 

 

L’ospite di oggi, non è certo uno che le manda a dire; ha la fama di bad boy, di uno che va dirtto al punto -”straight to the point”- e questa cosa devo ammettere che è estremamente affascinante. Colpisce, come un sinistro diritto in pancia e non ha peli sulla lingua. Ci siamo incontrati su Facebook, merito di un paio di amici in comune. E abbiamo iniziato a chiacchierare, qualche volta di letteratura. Pensavo di trovarmi davanti ad un grizzly e poi mi sono accorta che sa avere un animo gentile ed un cuore d’oro. I suoi post sui Social Network sono sempre di un’intelligenza sopraffina, come solo lui sa scrivere, geniale, spesso pungente ma anche spontaneo e toccante. Come d’altra parte la maggioranza degli scrittori da lui amati. Non si definisce un critico letterario, ma un “estensore di recensioni emotive”come dichiara alla rivista Glamour. Di lui hanno detto e scritto di tutto:ma una cosa tutti l’hanno detta, che è dannatamente bravo!

Quasi un rocker piu che un critico e sicuramente questo animo ribelle lo accomuna a Vasco Rossi suo amico di lunga data. Gian Paolo ci tiene a farci sprofondare nel viaggio letterario, a farci sentire gli umori della letteratura,nel dolce naufragare dell’inchiostro.

Con Satisfiction, fonda il primo free press dedicato alla letteratura, che promette (e mantiene) di rimborsare i lettori scontenti di aver aquistato un libro grazie alle loro recession. Gian Paolo collabora con Repubblica, Il Riformista, Il Giornale, Il Venerdì di Repubblica, D-la Repubblica, Rolling Stone, GQWuz.it e Radio Capital. Nel 2006 ha pubblicato USA&Getta”, “Oriana Fallaci e Alekos Panagulis: storia di un amore al tritolo” (Aliberti Editore).

È autore della postfazione all’edizione italiana del romanzo “Il compromesso” di Elia Kazan (Mattioli 1885). Ha curato, insieme a Carla Tolomeo e Lorenzo Butti, “Così tante vite” con prefazione di Claudio Magris (Mattioli 1885). Ha curato l’edizione italiana, uscita quest’anno per Mattioli 1885, del libro Dylan Thomas: la biografia di Paul Ferris”, con poesie, lettere e foto inedite. Dal libro è stato tratto il film sulla vita del poeta gallese, prodotto da Mick Jagger.  Nel 2010 è stato inserito nella raccolta “Ho parato un rigore a Pelè” (Giulio Perrone editore) con tra gli altri Gianrico Carofiglio, Antonio Tabucchi, Raffaele La Capria.

 

Satisfiction

 

Ciao Gian Paolo e grazie di essere qui con me in questo spazio virtuale. Partirei subito con una domanda che riguarda il tuo magazine on line Satisfiction (http://www.satisfiction.me) rivista di critica letteraria che rimborsa i libri consigliati, proponendo inediti di grandi scrittori classici e contemporanei. Oltre a centinaia di recensioni, sempre aggiornate, e decine di rubriche tenute dalle maggiori firme del panorama critico e narrativo italiano. Com’è nata questa idea?

Lo spazio non è mai virtuale. L’idea di Satisfiction mi è nata otto anni fa: prima come blog e ad 2 anni come portale di letteratura, ad oggi il più letto in Italia. Nasce dall’esigenza di ritrovare una coscienza critica: le “recensioni soddisfatti o rimborsati”: se non piace un libro che recensiamo, restituiamo il prezzo di copertina. Un’idea rivoluzionaria. Che da otto anni fa moltiplicare i lettori che si fidano delle nostre critiche (anche perché quando è il caso non le mandiamo a dire).Questo lo si vede anche dalla pagina Facebook di Satisfiction, oltre 17 mila like, se pensi che la rivista più conosciuta  al mondo, Granta, ha “solo” 32 mila lettori, Ti fa capire quanto ci siano affezionati i nostri lettori.
 Vedo che sei molto attivo sui social! I tuoi post sono sempre interessantissimi… Che rapporto hai con la tecnologia?
In realtà sono un luddista: credo FERMAMENTE  che in un mondo che continua a progredire, nessuno progredisca veramente. Allo stesso tempo sono contraddittorio perché  dentro di me sono ampio, per scomodare una frase da me molto amata di Walt Whitman: sono un Mac dipendente e ho un rapporto molto stretto con i social, soprattutto con Facebook. Credo che una recensione postata su Facebook valga più di mille articoli sui giornali.
 Pensi che l’ebook rimpiazzerà definitivamente il libro cartaceo?
 

 Io sono molto scettico sugli ebook. Spariranno per una ragione molto semplice. Noi arriviamo 10 anni in ritardo rispetto agli USA dove il mercato degli ebook e’ sorretto dai libri scolastici. Molto più coerente: puoi fare gli aggiornamenti ( che so di storia o geografia) una volta all’anno e non comprare di nuovo tutto il libro come in Italia. Quindi: arriveranno anche qui. Dopo 5 ore passate sugli ebook quale ragazzo avrà voglia di utilizzarlo poi per leggere o per giocare? Pochi: lo considerano uno strumento scolastico per cui torneranno allo sport vero e ai libri. Esattamente come dato accadendo negli Stati Uniti. Occupandomi prevalentemente di letteratura americana seguo molto da vicino.

Curiosando nella rete ho visto che il tuo studio è immerso nei libri. Domanda davvero difficile: l’ultimo libro che hai letto e che ti ha particolarmente colpito

Quello che  devo ancora iniziare.
Da grande appassionata di fantascienza, ricordo con piacere la collana Urania, specialmente i primissimi volumi, che portarono in Italia per la prima volta scrittori come Clarke e Asimov. Che rapporto hai con questo genere?”
Sono da sempre appassionato della science fiction sociologica, ucronica e distopica (da “Il Mondo  Nuovo” di Aldous Huxley a tutti i romanzi e saggi di Philip K. Dick, che trovo un genio, anche se un pessimo scrittore). Ecco non credo molto alle storie “pulp” di marziani e simili: credo che i veri unici extraterrestri siano dentro di noi.
Un autore, un libro a cui sei particolarmente legato
 “Sono due: Omero con l’Odissea (edizione Utet) e Victor Hugo con “I Miserabili” (edizione Einaudi) : li leggo, da vent’anni, ogni anno.”
Satisfiction
 Un viaggio che hai fatto e che ti è rimasto nel cuore. 
Quello dentro di me. Non ne sono ancora uscito e spero di non farlo mai. Per il  resto credo molto che viaggiare  (in senso fisico) sia come un uccellino che si porta dietro la sua gabbia.
La colonna sonora che accompagna le tue giornate
Il mio cane Gipi.
Gipi
 Quando sei in giro per il mondo cosa porti in valigia?
Non sono di quegli uomini imbranati che ci mettono una settimana per fare la valigia. La  faccio in un giorno. Semplicemente: mi porto dietro la cabina armadio. Così scelgo dopo. “
Che rapporto hai con la moda? Cosa ti piace indossare nel tempo libero e nelle occasioni mondane?
Non credo alle occasioni mondane, che ho smesso di frequentare da anni. Ogni incontro è mondano. Non seguo molto la moda, ma i miei gusti. Mi vesto solo con tre “sarti”: Martin Margela, Cucinelli e  Vintage55.
So che sei sempre impegnatissimo, hai sempre mille cose da fare e stupisci sempre i tuoi fans con tante novità. Dove ti vedremo prossimamente?
Non lo so neanche io.
Ti mando un caro abbraccio e ci vediamo presto al mio rientro dall’Australia!
 

In questo confido molto… :)

Seguite le avventure letterarie di Gian Paolo Serino su Satisfiction: http://www.satisfiction.me
Dedica Gian Paolo Serino ;)

 

Soon the english version of this interview ;)

Niccolò Ferragamo: when a Kiwi become an App

Niccolò Ferragamo per Style Magazine Cari amici appassionati di tecnologia e di innovazione, oggi è con me un giovanissimo imprenditore italiano, Niccolò Ferragamo. In un momento di grandi cambiamenti globali, sono i ragazzi e le ragazze del web a cambiare l’economia e il modo i fare comunicazione. Vi racconto un pò di lui in questa breve introduzione, poi siamo pronti per l’intervista! Niccolo’ e’ un imprenditore seriale Italiano di 23 anni con background in business development e digitale. Per i suoi risultati accademici (4 titoli di laurea con borse di studio e lode tra Sant’Anna, Universita’ di Pisa, Bocconi e London School of Economics) ed imprenditoriali (Niccolo’ e’ CEO e Fondatore di Kiwi Local, azienda digitale fondata a 19 anni e con attualmente 15 collaboratori), Corriere della Sera ha dedicato a Niccolo’ la copertina nazionale di Style di Marzo 2014 e Wired-Audi lo hanno nominato per l’Innovation Award 2014. Niccolo’ e’ membro del comitato direttivo italiano di Kairos Society, associazione che riunisce i migliori imprenditori under 25 nel mondo. Durante gli studi Niccolo’ ha lavorato nel Venture Incubator Rocket Internet, nella divisione Fusioni & Acquisizione di JP Morgan ed in Consulenza Strategica presso Bain & Company.

 

Grazie di essere qui con me in questo spazio virtuale, un posto in cui ci sentiamo a casa! Mi ha entusiasmato la tua grinta e la tua tenacia, sopratutto in un momento in cui  il presente sta cambiando. Come nasce la tua passione per il web?

Grazie a te dell’invito. La mia passione per il web nasce da giovanissimo e, dalla mia prima attivita’ su Ebay a 14 anni al giornale online fondato al liceo, non ha fatto che crescere. Ricordo come, sempre al liceo, il nostro gruppo di Pubbliche Relazioni sia diventato uno dei piu’ grandi in Italia per una innovazione che dopo poco sarebbe diventata scontata: siamo stati i primi a Firenze a fare comunicazione su Facebook. Il web abbatte le barriere e, soprattutto, e’ estremamente accessibile e democratica. Dall’assemblaggio di PC a fotografia digital, da sempre sono in ogni caso appassionato di tecnologia.
Raccontami un pò della tua App Kiwi, ho visto che permette di interagire con le persone che ci somigliano in tempo reale! Stupefacente!
Kiwi Local (www.kiwib2b.com) e’ una piattaforma che aiuta grandi Brand e Aziende a coinvolgere le proprie comunita’ sfruttando tecnologie mobile e di geolocalizzazione. Il nostro target sono le comunita’ di persone che hanno qualcosa di forte in comune: la passione per una stessa squadra di calcio, l’attivismo per un partito politico, l’appartenenza ad una stessa associazione o una certa categoria professionale. In tutti questi casi, la piattaforma di Kiwi Local permette di creare una applicazione personalizzata per la comunita’, che permette a tutti i suoi membri di trovare altri appartenenti allo stesso gruppo che in quel momento si trovano nei paraggi. E’ utile sia per gli utenti, che possono conoscersi nello stesso luogo, condividere contenuti e contatti, sia per i brand, che possono effettuare comunicazione (CRM) geolocalizzata con le proprie comunita’ e profilare l’utenza. Una esigenza in forte crescita e che e’ alla base dell’interesse che riceviamo da grandi multinazionali, squadre di calcio e associazioni.
Kiwi App
 Come vedi il panorama delle App tra qualche anno?
 La piu grande innovazione a mio avviso avverra’ in termini di piattaforme. Personalmente, non sono sicuro che tra 15 anni gli smartphone, cosi come li conosciamo attualmente, saranno il veicolo di utilizzo principale della app. Le applicazioni si espanderanno dagli smartphone a tecnologie wearable (glasses, orologi, accessori), ma anche al mondo della domotica (elettrodomestici e non solo) e degli schermi sempre piu’ frequentemente disponibili in luoghi pubblici. Convergeremo probabilmente anche sempre piu’ verso un modello di fruizione Cloud della applicazioni. Dati e applicazioni personali potranno essere fruibili non solo dai propri devices, ma anche dagli schermi sui banchi di scuola piuttosto che in metropolitana. Consentendoci di vivere in modo più smart qualsiasi aspetto della nostra vita quotidiana.
Adesso ti trovi a New York; news fresche dalla Grande Mela?
E’ un ambiente vibrante e stimolante, con molte differenze rispetto all’Italia. L’elemento che apprezzo maggiormente? La capacita’ di pensare in grande, il desiderio di “scalare” le proprie idee ed una maggiore propensione al rischio. Cambiare ambiente e’ sempre fonte di ispirazione e aiuta sicuramente a rimettere in discussione le proprie convinzioni e confrontarsi con persone brillanti.
La valigia perfetta di un giovane business men, cosa non deve mai mancare?

Una power bank per ricaricare il telefono on-the-go senza bisogno di una presa. Carta e penna per annotare idee e schizzare progetti. Un paio di scarpe eleganti che sappiano non far rinunciare alla comodita’. Cuffie Bose con isolamento sonoro. E un costume: se qualche occasione per fare Jet Ski, Wake Boarding, o anche semplicemente una nuotata e’ disponibile, non bisogna rinunciare.
Niccolò Ferragamo
 Qual’è il tuo rapporto con la moda, cosa ti piace indossare quando non sei in riunione, durante un cena di gala oppure nel tuo tempo libero?
 Apprezzo la sobrieta’ elegante italiana. Camicia e pantalone classico per lavoro. E’ importante saper essere formali quando serve, ma credo anche nei vantaggi di uno stile piu’ rilassato quando creativita’ e lavoro di squadra sono importanti.
La colonna sonora perfetta per un viaggio…
Colonne Sonore. Da Morricone a Hans Zimmer e John Williams. Apprezzo anche chitarra acustica per relax e musica house quando serve la carica.
Un libro che hai letto e che consiglieresti ai nostri amici
 “America’s most successful startups” di Oliver Samwer. Il fondatore di Rocket Internet, dove ho lavorato in Sud Est Asiatico per un periodo. Un geniale riassunto di best practices imprenditoriali. Per rilassarsi, il mio autore preferito e’ Asimov (trilogia della fondazione in primis).
Niccolo Ferragamo ad Announo

Niccolo Ferragamo ad Announo

 Cosa bolle in pentola e dove ti vedremo prossimamente?
Dall’apertura di un nuovo incubatore tecnologico in Italia, all’espansione di Kiwi, abbiamo molti progetti in corso. Finita laurea in economia al Sant’Anna di Pisa e Master tra Bocconi e London School of Economics ed accumulate diverse esperienze lavorative (JP Morgan M&A – Rocket Internet – Bain&Company – Kiwi), adesso posso dedicarmi full-time su lavoro e passioni. Saro’ di base in Italia il prossimo anno per progetti di strategia, business development e digitale, ma con frequenti interazioni all’estero.
Grazie mille al bravo Niccolò, per essere stato con me in questo spazio virtuale. Se volete seguire le sue attività:
Per seguire Niccolo’ su Twitter:
E Linkedin: